Decreto Bersani, vantaggi e soluzioni

Sono passati 10 anni dall’introduzione del decreto Bersani assicurazioni. Il decreto legge 31 Gennaio 2007, n. 7 (questo il riferimento legale) ha rivoluzionato il mondo delle polizze auto.

I dubbi, però, ci sono ancora. Ecco quali sono e quali le soluzioni e i vantaggi di questo decreto.

Decreto Bersani assicurazioni: i vantaggi

Il decreto Bersani ha cancellato il tacito rinnovo nelle polizze auto e moto. Il contratto si chiude entro un anno. Così, il cliente può decidere se restare con la stessa compagnia, o risparmiare cambiando.

In più, non ci sono commissioni per passare da una compagnia all’altra. La classe di merito prima cambiava sempre. Oggi, per l’assicurato ci sono più garanzie.

Finché non è sicuro su chi cada la responsabilità di un incidente, la classe non cambia. In più, non cambia nemmeno tra famigliari. Non ci sono cambiamenti nemmeno se la stessa persona ha più auto.

Infine, la nuova polizza dovrà tenere conto dell’attestato di rischio, quindi della classe di merito che avevi prima.

Decreto Bersani assicurazione seconda auto

Cosa succede se una persona possiede due auto? Come funziona la polizza auto? Prima del decreto Bersani, le due auto avevano classi diverse. Per esempio, se il conducente faceva un incidente con la prima, aveva due classi di merito diverse.

Con la nuova legge, invece, se con un’auto si fa incidente e con la seconda no, la classe di merito resta identica. Così, la polizza per la seconda auto non è più cara.

Per questo, non è necessario presentare alcun documento. La procedura è automatica e le compagnie sono già al corrente.

Ereditare classe di merito defunto

La classe di merito di un parente defunto non si può ereditare. Non potrai farlo neanche se l’auto era intestata anche a te.

L’unica cosa che si può fare è chiedere il passaggio di proprietà dell’auto, cambiandolo dal defunto al parente. Entro 60 giorni, dovrai avvisare sia il PRA che la compagnia.

A quel punto, la polizza auto si chiude per contratto. La nuova polizza si farà sulla classe di merito dell’erede.

L’unico tentativo che puoi fare per ereditare la classe di merito è intestare l’auto alla moglie del defunto. La classe di merito si erediterà solo se i due erano sposati in regime di comunione dei beni.

Ricorda che, se nella famiglia c’è una classe di merito conveniente, tutta la famiglia ne può usufruire. Per esempio, se un genitore ha una classe di merito ottima, allora anche moglie e figli potranno usare la stessa classe di merito.

Questo vantaggio svanisce se figli o moglie fanno incidenti e viene accertata nei sinistri la loro responsabilità. In compenso, per ottenere clienti, alcune compagnie fanno sì che l’attestato di rischio non cambi comunque la classe di merito per 5 anni per contratto.

Decreto Bersani 2017: cosa cambia

La legge è rimasta invariata per assicurazioni, ricariche telefoniche e molti altri settori. Con il decreto Bersani nelle assicurazioni, puoi scegliere quello che fa al caso tuo senza pagare penali.

Le compagnie sono al corrente delle modifiche. Se qualcuno non fosse aggiornato, puoi farti aiutare da un legale per risolvere la controversia senza rivolgerti per forza al tribunale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *