Come pedalare in sicurezza?

Il timore dell’incidente è considerato l’ostacolo più grande da superare per 2/3 delle persone che non si muovono con la bicicletta per tragitti inferiori a 5 km. Eppure questa distanza in bicicletta permette di risparmiare tempo e denaro, rimanere in buona salute, combattere l’inquinamento e il traffico. Ecco alcuni consigli per coloro che esitano a fare il passo e un promemoria per i ciclisti.

Conoscere i rischi

Uno studio del 2009 ha mostrato che nel 92% dei casi di incidenti nei ciclisti è di bassa o media gravità contro il 84% di pedoni e il 93% per gli automobilisti.

Le principali cause di incidenti gravi sono:

  • tamponamento per cambio di direzione o di sorpasso
  • mancanza di precedenza, in particolare in uscita dalla pista ciclabile
  • punti ciechi, compresi autobus, furgoni e camion (1/5 dei decessi)
  • apertura accidentale di uno sportello,
  • la mancanza di visibilità.

Considerate che la maggior parte degli incidenti mortali avviene in aperta campagna.

Dotazione di sicurezza

Abbigliamento adatto ed equipaggiare la bicicletta in modo adeguato.

Le regole per la sicurezza

Prima regola, è necessario rispettare il codice della strada. E’ anche un modo per rendere le vostre azioni prevedibili ad altri utenti.

Durante un cambio di direzione o in prossimità di un incrocio, segnalare chiaramente la scelta del vostro percorso, posizionarsi di conseguenza e tenere a mente la posizione degli altri veicoli.

Tenere il vostro posto, è un modo per essere visibili ed evitare spiacevoli incidenti. In città, si consiglia di tenere una distanza di almeno un metro. Non effettuare slalom tra i veicoli.

Evitare punti ciechi, spesso si sottovaluta la pericolosità di queste azioni. Non infilatevi tra i camion e gli autobus.

Se dovete incrociare il percorso di un pedone, passare da dietro. Non utilizzare il telefono durante la guida.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *